TRIESTE INTERNATIONAL SLAM

Trieste International Slam, è un progetto nato da GLI AMMUTINATI, uno tra i gruppi di poesia più conosciuti in Italia e associazione che da novembre 2013 ha cambiato nome in LIPS – Lega Italiana Poetry Slam, unendo la quasi totalità delle scene dello slam italiano. Dal 2009 al 2014 il Trieste International Poetry Slam è stato inserito all’interno del programma di “Trieste Poesia”, festival organizzato da CLUB ANTHARES, che purtroppo è stato soppresso per mancanza di fondi. Grazie a NADIR PRO, lo slam si è aperto nel 2012 al nuovo format dedicato al teatro e alle sceneggiature brevi: si è tenuto infatti il 3 giugno 2012, presso il parco di San Giovanni – Ex Opp e all’interno della rassegna “Oh poetico parco”, il 1st Trieste International Drama Slam, in accordo con le regole del Drama Slam Europeo- http://www.dramaslam.eu, alla presenza del suo fondatore Jimi Lend.

slamIl Trieste International Poetry Slam è lo slam internazionale di poesia più “antico” del suo genere in Europa, e nonostante ci siano competizioni importanti, come in Francia la Coppa del Mondo o la finale del Campionato europeo, questo slam ha per l’Italia un significato particolare… Nell’unione delle nostre voci poetiche a quelle internazionali il team de “Gli Ammutinati” ricerca con attenzione modelli e novità, e si può dire dunque che le selezioni a cui i poeti sono sottoposti si nutrono anche di presupposti critici, non sono solo espressioni della poesia di un territorio o di una regione (funzione che è assolta benissimo dal campionato italiano organizzato dalla stessa LIPS che, ricordiamolo, è nata al Caffè San Marco il 30 novembre 2013 in occasione dell’VIII Trieste International Poetry Slam), e a tal fine vengono invitati quattro (4) poeti, due italiani e due stranieri, che poi gareggiano con due (2) poeti provenienti dalle selezioni, a cui tutti possono partecipare. Statisticamente il 30% dei poeti giunti dalle selezioni ha poi vinto lo slam, che ha anche il significato del grande interesse che suscita questo slam che richiama spesso i migliori poeti in circolazione anche solo per le selezioni, nutrendo di qualità diverse la competizione finale.  Lello Voce, che ha il merito di aver portato in auge la pratica del poetry slam nel “bel paese”, ha definito lo slam di slam3Trieste, gli “Internazionali”. L’intento degli “Internazionali di Poesia d’Italia” è certo la ricerca dei migliori poeti e performer, e senza trascurare le questioni legate a oralità e leggibilità, i componenti del team de Gli Ammutinati osservano con interesse i processi di formazione delle opere, dalla produzione giovanile a quella dialettale, non solo in lingua italiana, e si interrogano su ciò che i poeti hanno da dire sulla società, questioni di rilevanza sociale e formatività che auspichiamo possano nutrire la critica della poesia, e il suo rinnovato publico.

La formula del poetry slam
Dopo le selezioni che precedono lo slam, in accordo con le regole della LIPS, la formula che il poetry slam utilizza nella serata conclusiva è un doppio girone di lettura, più la finale tra i primi due classificati. Nei due gironi di lettura i sei (6) poeti finalisti vengono votati da parte di due giurie estratte a sorte tra il pubblico, una per la prima manche e una per la seconda manche. Nella prima manche il turno di lettura è deciso da un’estrazione; nella seconda manche, dopo che la giuria è stata cambiata, a partire è il poeta che ha realizzato il miglior punteggio nella prima manche. I giurati, nel numero di cinque (5), hanno a disposizione delle cartelle recanti i voti da 1 a 10 (l’Mcee deciderà se includere o escludere i decimali). Durante ogni votazione, il voto più basso e il voto più alto vengono esclusi. I punteggi vengono sommati al termine dei due gironi/manche,  decretando così il quadro della finale, dove il pubblico vota ad alzata di mano o con l’applausometro.
Il tempo inizia a partire da quando il poeta prende la parola. Le penalità: a partire dal primo secondo dopo la scadenza del tempo concesso ai poeti.

Nel 2005 la kermesse poetica si è svolta allo storico Caffè San Marco. Nel 2006 si è svolta in estate, presso il Parco Basaglia (con sottotitolo: lo slam dei fuochi) ed è stata mandata in onda, in diretta, da Radio Fragola. Nel 2007 non si è svolta, al suo posto Gli Ammutinati hanno organizzato in collaborazione con il Comune di Monfalcone la prima finale italiana di Poetry Slam vinta da Alexandra Petrova. Nel 2008 e 2009 lo slam è stato ospitato dal Club Tetris. Nel 2010 lo stabilimento Ausonia ha accolto la manifestazione. Nel 2012 lo slam è tornato al Caffè San Marco.

Per collaborazioni e contributi: triesteslam [et] gmail.com

L’obiettivo del gruppo che si trova su facebook è sviluppare a Trieste e da Trieste un circuito nazionale e internazionale di slam e nuovi formati per comunicare la letteratura.

Lo slam di Trieste si contraddistingue per l’apertura, grazie alle selezioni a cui tutti possono partecipare.  Per il Drama Slam c’è un bando preciso da seguire (a questo link quello della prima edizione; per informazioni sul Drama Slam scrivere a sinicco [et] gmail.com).

Vincitori del Trieste International Poetry Slam:
2005 Maria Valente
2006 Matteo Danieli
2008 Christian Sinicco
2009 Maurizio Benedetti
2010 Viorel Boldis (Romania)
2011 Alfonso Maria Petrosino
2012 Giacomo Sandron
2013 Ana Reis (Portogallo)
2014 Laura Wihlborg (Svezia)

Vincitori del Trieste International Drama Slam:
2012 Corrado Premuda

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...